Le Reti Sociali nel Content Marketing

L’evoluzione dei social media, oggi utilizzati dalla maggior parte degli internauti, apre nuove strade alle strategie di marketing online. Tali strumenti possono infatti aiutarvi a raggiungere un pubblico mirato, a diffondere il vostro marchio e a consolidare, di conseguenza, il vostro business.
Sebbene aprire un account su Twitter o creare una pagina Facebook non sia affatto complicato, adoperare tali mezzi per dare vita a una solida community può non rivelarsi altrettanto semplice. Indispensabile è una giusta strategia di content marketing, sapientemente applicata alle reti sociali.

Reti Sociali e Content Marketing

Reti Sociali: le 3 tappe fondamentali

Partecipare, anticipare e consolidare sono i tre assunti fondamentali per chiunque voglia accostarsi in modo proficuo al mondo social.

La partecipazione rappresenta un importante investimento in termini di tempo ed energie, ma è essenziale per stabilire un rapporto autentico e diretto con il pubblico e per dare alla propria azienda un’immagine più “umana”, concreta e accattivante.

Anche l’aspetto dell’anticipazione non andrebbe sottovalutato. Generare attesa può rivelarsi un’ottima soluzione per fidelizzare l’utenza. Per questo, è buona norma prevedere una serie di contenuti sequenziali, che si adattino fra loro in maniera orchestrale, quasi come fossero i pezzi di un puzzle, e che suggeriscano particolari aspettative nella propria utenza.

Per consolidare il proprio lavoro sulle reti sociali, sono infine indispensabili due ingredienti fondamentali: la pazienza e la costanza. Se è infatti inverosimile immaginarsi una crescita esponenziale dei propri followers in pochi giorni, un lavoro continuo e metodico è spesso premiato, con la conseguenza che l’azienda ne beneficia in credibilità e autorevolezza.

Gli strumenti per lavorare con i Social Network

Innumerevoli sono i tools, gratuiti e a pagamento, sviluppati per semplificare le attività di marketing sui social media. Vediamone alcuni, differenti per caratteristiche e funzioni:

ManageFlitter
ManageFlitter è un servizio dedicato agli utilizzatori di Twitter. Fra le sue funzioni più interessanti, figura la ricerca targettizzata delle persone alle quali connettersi, la cancellazione automatica degli account spam e inattivi e la possibilità di programmare la pubblicazione dei tweet nei momenti in cui i propri followers risultano maggiormente presenti. Inoltre, è possibile ottenere dati analitici e statistiche dettagliate sulle performance del proprio account.

Zapier
Pensato per automatizzare le più comuni operazioni sui social media, Zapier collega centinaia di diverse piattaforme e ne facilita la stessa interazione. La mission primaria del servizio è quella di rendere immediata la comunicazione: per questo, sincronizza qualsiasi account di posta elettronica con i social network, tiene traccia della menzione di specifiche parole chiave o invia un SMS quando si ricevono notifiche da parte di un utente selezionato.

Post Planner
Post Planner è una potente applicazione per la gestione dei contenuti, sviluppata per Facebook. Tale strumento permette di programmare la pubblicazione di post, con possibilità di ripeterli a intervalli regolari e di impostare notifiche via e-mail. A differenza di altri servizi analoghi, l’app offre un vasto database contenente i più recenti aggiornamenti di stato su una specifica tematica, definita dall’utente, permettendo così di individuare i trend del momento e i temi più apprezzati dalla propria nicchia di mercato.

Social Media e Content Marketing: le “regole” essenziali

  • Ad ognuno… il suo canale: Sebbene il concetto di condivisione resti onnipresente, ogni servizio social ha le sue peculiarità e, di conseguenza, una sua utenza più o meno specifica. Se, ad esempio, vendete accessori handmade, potreste scegliere di puntare su Pinterest per dare ampio spazio al vostro catalogo prodotti e giocare soprattutto sull’impatto visivo. Al contrario, se vi trovate a gestire una grande impresa, magari preferirete un profilo professionale su LinkedIn. Google+ potrebbe invece venirvi in soccorso se siete autori freelancer e cercate altresì un modo per attribuire paternità ai vostri contenuti. Per orientarsi fra le innumerevoli piattaforme sociali, un valido aiuto è offerto dall’analisi dei competitor, nonché da un’approfondita conoscenza del social media di proprio interesse e delle sue dinamiche interne.
  • Calendarizzazione: Un’attività efficace di social marketing deve essere scandita nelle sue tempistiche da un calendario editoriale ben definito, che tenga conto del livello di presenza e di attività dei propri followers. Oltre a semplificare l’aspetto della pianificazione dei contenuti, tale premura facilita un più attento monitoraggio dell’efficacia della propria strategia, poiché permette di verificare i risultati attesi entro un determinato lasso di tempo.
  • Contenuti diversificati: Essere versatili è la regola numero uno per raggiungere un pubblico maggiore e per individuare gli argomenti più “caldi”. Ai contenuti autoreferenziali, può essere spesso utile integrare la condivisione di post, video, eBook altrui, purché di qualità e inerenti alle tematiche della propria nicchia.

Come evidente, l’implementazione dei social media alla propria attività di content marketing ha lo scopo di raggiungere i potenziali clienti e di fidelizzare i più affezionati, coinvolgendoli su un piano completamente differente, più emozionale e partecipato rispetto al tradizionale rapporto “venditore/cliente”. Ma il ruolo dei social network è anche quello di diffondere e rendere solida l’immagine aziendale, con la diretta conseguenza di dare valore al proprio brand.

Visto il peso rilevante sulla credibilità stessa dell’azienda, improvvisare una campagna promozionale sui social media non è mai consigliabile. Meglio affidarsi a un’azienda professionale, come Softplace, capace di garantire un servizio studiato su misura, che tenga conto delle singole esigenze di ogni impresa e che sappia valorizzarne al meglio le stesse potenzialità.