Intervista Social SEO Media: le Novità sulle Tecniche SEO

Intervista Social Media SEO

Nel corso degli ultimi giorni abbiamo partecipato ad un’iniziativa di Giorgio Fontana di Social Media Italia, il quale mi ha intervistato a proposito di un tema quantomai attuale nel panorama delle tecniche di posizionamento sui motori di ricerca, ovvero: quanto impattano i Social Media sulle attività SEO?

Ne è scaturita un’intervista che ha portato alla luce un dato ormai inequivocabile: la presenza dei Social Media nella “vita online” degli utenti è oggi decisamente rilevante, e non può essere ignorata da una web agency che proponga servizi SEO. Facebook, Twitter, Foursquare, Stumbleupon, Flickr (solo per citarne alcuni) sono servizi di sharing (condivisione) che hanno assunto ormai un ruolo prominente nelle attività online delle persone, sia in veste personale che nei ruoli professionali.

Tra gli elementi più interessanti dell’intervista c’è un aspetto decisamente curioso: sembra che gli stessi servizi Social si stiano in qualche modo “contendendo” il favore degli utenti, cercando di proporre servizi integrati che fino a poco tempo prima non erano – magari – previsti… se Flickr è il servizio Social di condivisione foto per antonomasia, oggi Facebook ha potenziato moltissimo il gestore di foto-sharing integrato nel profilo utente. Proprio Facebook sta sviluppando (e migliorando ogni giorno) la piattaforma di advertising, in un settore che fino a poco tempo fa era totale appannaggio di Google.

Insomma: i Social Media si contendono la torta che è composta dalle persone, che in definitiva possiamo dire (con un eufemismo) che formano la Rete stessa. E per una web agency come si evolvono i servizi SEO offerti? Leggete l’intervista per scoprire cosa ne è emerso.

Leggi l’intervista Inchiesta Social SEO »

Realizzare un piano di webmarketing

Con il termine Web Marketing ci riferiamo a tutte quelle azioni di marketing online che una azienda effettua su internet al fine di instaurare nuove relazioni di business con altri soggetti.

Attraverso internet si cercano di pianificare e portare a termine dei piani di promozione finalizzati a trovare nuovi clienti o a fidelizzare quelli già esistenti.

Attenzione che per ottenere i risultati migliori il consiglio è quello di non considerare l’attività di marketing tradizionale come separata da quella online. Marketing tradizionale e web marketing devono lavorare insieme e viaggiare di pari passo.

Nel marketing tradizionalmente si studiano i prodotti, il mercato ed i consumatori. La stessa attività si effettua con il web marketing ma è fondamentale sottolineare alcune dinamiche e regole che differenziano questo settore rispetto a quello tradizionale.

Innanzi tutto il consumatore che frequenta il mercato online spesso conosce già molto bene  i prodotti che l’azienda produce. E’ un consumatore informato. Internet è una miniera di informazioni e ci sono pochi segreti che si riescono a nascondere…

Sulla rete spesso i consumatori esprimono giudizi sui prodotti, siano essi positivi o negativi.

Le aziende che operano in questo mercato devono ascoltare il consumatore, mettersi al loro livello e soprattutto cercare di interagire con il consumatore, parlargli e creare relazioni con la comunità con cui vogliono entrare in contatto.

Vediamo ora quali sono nel web marketing strategico i fattori critici e di successo da tenere in considerazione:

  • Definire gli obiettivi che si intendono perseguire al fine di avere ben chiare le idee di dove si vuole arrivare (posizionamento del brand, aumento delle vendite, definire un nuovo target di vendita aziendale, ecc…)
  • Analizzare la concorrenza sia potenziale che già attiva ed operativa
  • Definire un target strategico verso cui orientarsi
  • Definire un vantaggio competitivo in relazione al prodotto / servizio che intendiamo proporre al nostro mercato online identificato
  • Definire una strategia di posizionamento online del nostro prodotto o servizio ovvero: creare sito internet funzionale, creare delle landing pages, utilizzare tecniche di visual persuasion, neuro marketing e tutto ciò che può portarci verso i l’ottenimento del miglior tasso di conversione (percentuale di navigatori che eseguono l’azione di conversione da noi definita in relazione al totale dei visitatori che navigano sulle nostre pagine.

Alla fine ciò che ci interessa maggiormente è, come avrete intuito, massimizzare il tasso di conversione dei navigatori in quanto si può tramutare  in una vendita o in un contatto che può finalizzarsi con una vendita.

In conclusione mi permetto di fornire alcuni suggerimenti a chi affaccia con il proprio business sul web:

  • Non nascondete nulla al visitatore
  • Condividete con lui informazioni interessanti o eventuali contenuti di valore che avete in vostro possesso
  • Non siate permalosi e non offendetevi se vi arrivano critiche in quanto devono essere per voi lo spunto migliore per recepire un bisogno del potenziale cliente. Parola chiave è ascoltare!
  • Siate collaborativi, questo è il punto di forza per creare interesse intorno a voi
  • Non fate SPAM
  • Utilizzate la multi-canalità, ovvero sfruttate tutti i canali di comunicazione possibili e cioè PC, dispositivi mobili, cellulari, garantire il corretto funzionamento e visualizzazione sulle principali piattaforme (Windows, Linux, Mac, IoS, Android,ecc…) e sui principali hardware in commercio (PC, UMPC, IPAD, PHONE, Galaxy, Blackberry, ecc…)

Importanza di essere visibili sui motori di ricerca

Eccomi qui, ad inaugurare il primo di molti post che spero possano risultare una fonte di spunto e stimolo per chi avrà il piacere di leggerli.

Come ben sappiamo Internet ha rivoluzionato molti settori del business portando il mercato principale di attività di molte aziende su web. Nuove tecnologie, motori di ricerca,  social network e la crescente diffusione della banda larga hanno consentito al consumatore medio di utilizzare sempre più assiduamente questo strumento come fonte affidabile per operare le proprie scelte soprattutto nell’ambito dell’informazione e degli acquisti.

Fonti autorevoli come Nilsen/NetRating, sems.it, Come score network hanno dimostrato che:

  • Circa l’85% delle persone che utilizzano abitualmente internet usano i motori di ricerca per ottenere informazioni utili dal web
  • Circa il 78% dei navigatori internet ha acquistato un prodotto/servizio basando la propria scelta sulle informazioni trovate online

Interessante, per quanto riguarda il nostro Paese, come nel 2010 il 36% dei navigatori italiani  utilizza sempre internet prima di un acquisto, indipendentemente dal valore e dal canale in cui poi sarà portato a termine (in un negozio, in un centro commerciale oppure online da un sito di e-commerce). Questa percentuale sale al 92% se consideriamo quelli che almeno una volta hanno utilizzato  internet prima di un acquisto.

Il trend è in forte crescita e non possiamo pensare di non utilizzare questo canale per sfruttare un potenziale mercato che direttamente possiamo raggiungere a casa, sul lavoro e sempre più spesso con l’utilizzo dei dispositivi mobili ovunque si trovi.

Dopo questa introduzione un po’ istituzionale e statistica, si evince come la presenza del nostro sito ai primi posti dei motori di ricerca sia requisito indispensabile per decretare il successo della nostra attività online.

Essere visibili è tutto!!!

Seguici sul Blog  per capire quali errori evitare e quali pratiche seguire per migliorare il posizionamento del tuo sito.

Il SEO, cosa dovete sapere per iniziare la scalata ai motori di ricerca con il vostro sito Web!

E’ ora di passare al sodo e vedere cosa  dobbiamo fare concretamente e quali errori evitare per essere considerati da un motore di ricerca (in primis google vista l’importanza che ricopre) ed iniziare la nostra scalata verso i primi posti.

Innanzi tutto è necessario sapere che per un posizionamento organico (ovvero naturale nell’ambito della “classifica” di Google), è indispensabile tener conto di una serie di regole,  requisito fondamentale per puntare ad un risultato positivo di indicizzazione.

I motori di ricerca, in relazione al nostro sito, prendono in considerazione due aree di analisi:

  1. Aspetti interni al sito (più corretto dire alla singola pagina)
  2. Aspetti esterni  al sito (idem come sopra meglio dire alla singola pagina)

Nel primo caso DEVONO essere presenti e correttamente definiti i seguenti parametri che sanciscono la correttezza tecnica e semantica nella realizzazione di un sito.

  • Tag Title della pagina specifica in cui ci troviamo
  • Tag Description della pagina specifica in cui ci troviamo
  • Tag Keyword della pagina specifica in cui ci troviamo
  • Tag di Heading (<H1>,< H2>, <H3>)
  • Tag di enfatizzazione (grassetto, sottolineatura)
  • Tag Alt come attributo dei vari elementi
  • Corretta struttura della pagina
  • Corretta struttura dei contenuti
  • Keyword density
  • Link interni di approfondimento (detti Anchor text)
  • Ottimizzazione delle immagini
  • Validazione corretta W3 del codice
  • Attenzione agli aspetti del web semantico (aspetto sempre crescente negli algoritmi dei motori…)

Nel secondo caso invece i motori di ricerca prestano attenzione a come il mondo web vede il nostro sito e precisamente si prendono in considerazione parametri quali:

  • Inserimento in directory
  • Scambio Link
  • Link popularity
  • Link building
  • Trust Rank
  • Page Rank
  • Tecniche SEM e promozione su altri mezzi di comunicazione di massa

Ogni pagina viene vista come una entità a se stante e per ogni pagina dobbiamo tener in considerazione tutti gli aspetti che sono stati elencati precedentemente.

Nel seguito vedremo di approfondire questi aspetti man mano ma ricordate che nessuno è da sottovalutare e tutti contribuiscono a migliorare il ranking della nostra pagina.

Dobbiamo armarci di pazienza, costanza, buona tecnica e… i risultati inizieranno ad arrivare!

Benvenuti nel Blog di Softplace.it

Con il post che stai leggendo, si inaugura una nuova sezione del sito Softplace.it: il blog!
L’intento di questo blog è di costituire una sorta di diario, di storyboard, di “repository” di informazioni tecniche e di sviluppo, dove verranno raccolte le cose che ci vedono impegnati nel nostro quotidiano lavoro con/sul web.

Softplace è un’azienda di sviluppo applicativi web, ma non solo, è una web agency che – con il tempo – sta crescendo, e pian piano sta diventando un punto di riferimento per molte aziende che hanno affidato a noi la gestione del proprio business. Alcune delle attività aziendali sono:

  • sviluppo di applicativi gestionali web-based
  • gestione di siti internet, istituzionali ed e-commerce
  • realizzazione di campagne di web marketing
  • consulenze SEO e SEM
  • hosting e registrazione/manutenzione domini

Ed altre attività… ma non è di questo che vogliamo parlare qui, nel blog. Per quello c’è il sito istituzionale.

Lo spazio blog sarà il nostro “blocco note” dove – ogni qualvolta ci sarà possibile – verremo ad annotare tecniche, curiosità, avanzamento lavori, novità, e perché no, quello che ci passa per la testa.

A presto, e grazie per essere passato dal blog Softplace.it!
p.s. ricordati di memorizzare l’indirizzo URL softplace.it/blog